K

Winnie Mandela

  

 
“I am not sorry. I will never be sorry. I would do everything I did again if I had to. Everything."
   
   
Winnie Madikizela Mandela, combattente per la libertà, nasce il 26 Settembre 1936 nel villaggio di Embongweni nell'attuale provincia del Capo orientale del Sud Africa.
Nonostante le restrizioni sull'educazione dei neri durante l'apartheid, ha conseguito un diploma in servizio sociale dal Jan Hofmeyer School a Johannesburg e successivamente ha conseguito una laurea in relazioni internazionali presso l'Università di Witwatersrand.

Il 14 Giugno del 1958 Winnie si sposò con colui che sarebbe diventato il prigioniero più famoso al mondo, simbolo politico e morale della lotta contro la segregazione razziale, Nelson Mandela. I due coniugi perseguirono la lotta per libertà insieme accettando come prezzo da pagare la loro separazione dovuta ai frequenti arresti di Nelson Mandela.
Nell’ottobre del 1958, quattro mesi dopo il matrimonio, partecipò per la prima volta ad una manifestazione contro le leggi sui lasciapassare obbligatori per i neri. Venne subito arrestata e detenuta per una settimana. Al suo rilascio scoprì di essere stata licenziata dall’ospedale in cui lavorava e questo incrementò maggiormente il suo disaccordo nei confronti dell’apartheid. Per molti di quegli anni, lei fu esiliata nella città di Brandfort e i suoi movimenti limitati allo Stato Libero dell'Orange, fatta eccezione per i tempi concessi per visitare il marito presso il carcere di Robben Island. A partire dal 1969, trascorse diciotto mesi in isolamento nella prigione centrale di Pretoria.

Winnie Mandela è un attivista sudafricana e politico che ha ricoperto diversi incarichi di governo, fondatrice della Lega femminile del Congresso nazionale africano.
La sua reputazione ha iniziato ad incrinarsi dopo il discorso tenuto a Munsieville il 13 aprile 1986, occasione in cui ha approvato la pratica del necklacing (un metodo di violenza che consisteva nell’ardere le persone da vive utilizzando pneumatici e benzina).
A offuscare ulteriormente la sua reputazione sono state le accuse mosse dalla sua guardia del corpo, Jerry Musivuzi Richardson, di aver ordinato il rapimento e l'omicidio di alcuni membri del Mandela football club. Ad alimentare i sospetti era il fatto che coloro che venivano sospettati di tradimento venivano poi ritrovati morti poco dopo.
Dopo la liberazione di Nelson Mandela nel 1990, iniziarono a diffondersi elementi che contribuirono a distruggere ancor più l’immagine di Winnie Mandela ed in particolare le accuse di tradimento e di omicidio. Winnie chiese scusa ufficialmente per gli atti commessi durante l’apartheid e nel 1992 si separò da Nelson Mandela.
Il 24 aprile 2003, Winnie Mandela è stata giudicata colpevole di 43 imputazioni di frode e 25 di furto.
Oggi è un personaggio ancora amato da molti Sud Africani e Africani per la sua forza e la sua determinazione nella lotta per la libertà dagli Occidentali (anche se viene criticata da altri per i suoi errori).


Anabell B. Owusu





BIBLIOGRAFIA

http://maatkheru.blogspot.it/2012/08/winnie-mandela-quotes.html
https://en.wikipedia.org/wiki/Winnie_Madikizela-Mandela
https://www.youtube.com/watch?v=ctMu9qr7oGA
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1989/02/22/da-regina-reietta-nella-polvere-il-mito.html?refresh_ce
http://english.cntv.cn/lm/facesofafrica/



NOV10

Leave a Reply

Comment Form is loading comments...